WordPress e i rischi della compressione – WP HTML Compress

Seconda parte della mia piccola e personalissima guida ai rischi della compressione su WordPress utilizzando vari plugin; oggi parliamo di WP HTML Compress.

L’intento di questo plugin, come il nome suggerisce, e’ quello di comprimere al massimo il codice HTML della propria installazione WordPress, rimuovendo i fastidiosissimi spazi bianchi nel codice, le linee di separazione, e tutti gli spazi derivanti dalle indentazioni.

Sicuramente una bella indentazione, per chi come me viene dalla scuola della riga di comando, e’ un must, per cercare e trovare al volo quella porzione di codice o per individuare un certo ciclo.
Un codice bello ed elegante e’ sempre una delizia da vedere (e su cui mettere le mani) ma quando il troppo spazio rischia di rallentare il tempo di caricamento e’ meglio eliminarlo.

I browser, d’altro canto, ignorano tutte queste finezze estetiche e si concentrano – fortunatamente – sull’interpretazione del codice.

WP HTML Compress non impatta dunque il funzionamento e l’interpretazione del codice e, non aggiungendo niente di suo, non affligge in alcun modo le prestazioni. Il cruccio pero’, arriva quando esistono delle aree in cui e’ necessario lasciare degli spazi bianchi, come ad esempio nei Javascript che devono, spesso, avere quella data struttura per poter funzionare.
Il plugin ha una funzione preposta, che lascia l’utente libero di “segnare” quali aree del codice lasciare intatte.

L’installazione e’ molto semplice:

  • scaricate il plugin dal repository o dal sito del suo creatore, unzipunrar, e caricarlo nella directory dei plugins (wp-content/plugins/); in alternativa caricarlo direttamente dall’installazione dal tab Add Newin Plugins (/wp-admin/plugin-install.php?tab=upload);
  • attivate il plugin dal pannello di amministrazione dei plugin (non esiste alcun tab di configurazione);
  • agite direttamente sul codice, quindi andate ad aggiungere un paio di tag all’inizio ed alla fine delle aree che non desiderate siano affette con questo codice: <!–wp-compress-html–> e <!–wp-compress-html no compression–>.

In sostanza e’ semplice.. ma a me proprio non piace dover andare ad aggiungere almeno una decina di queste linee di codice per dover snellire, mi pare un po’ un controsenso.
Su ./lsd, difatti, sarebbero troppi i tag da inserire per esercitare una compressione quindi per me proprio non vale la pena; ma se avete un solo Javascript e’ quello che fa per voi. Ricordate sempre di fare attenzione nel piazzare il tag, e soprattutto pensate bene se, per risparmiare un paio di kb ne dovete aggiungere altri..

full-stack graphic designer | social media manager | blogger, autrice e saggista | appassionata di Giappone, poker e pianoforte | mai senza occhiali da sole | attaccabrighe per natura