Style: le scarpe piu’ scomode, quelle piu’ belle, quelle piu’ costose, quelle piu’ strane

Ah, le scarpe!
Gioia e cruccio di ogni donna.. Carrie Bradshaw spendeva migliaia di dollari all’anno per le scarpe (le sue preferite sono della griffe Manolo Blahnik), le rampolle di casa Hilton preferiscono Prada e Gucci, Lady Gaga si mette ai piede delle robe fetish, a me piacciono quelle giapponesi di Kyto Myamura (sara’ che in genere riesco a trovare il mio numero soprattutto nel regno del Sol Levante); e cosi’, googlando qua e la’ mi sono imbattuta in un sito (The Toy Zone) che recensiva le 15 paia di scarpe piu’ dolorose da indossare mai create.

Queste scarpine colorate belline belline sono un toccasana per i vostri piedi: fino al 1950 si pensava che piu’ i piedi delle donne asiatiche fossero piccoli e piu’ sarebbero state brave a letto, oltre che aggraziate come fiori di loto adagiati sull’acqua. Si costruivano quindi scarpe che molavano, nel vero senso della parola, la forma del piede, costringendo le sfortunate indossatrici a dolori atroci e a menomazioni non di poco conto.
Qui un piccolo riassunto in inglese.

Eelko Moorer propone un paio di calzature che non sarei mai riuscita a concepire (ma c’e’ di peggio!); la tomaia in legno deve essere di uno scomodo incredibile.. e che male!
Ma gli stivaletti bianchi a pois non sono male..

Credo che il peggio possa passare anche da questo paio di scarpe, che non vedo ideali per l’inverno..
Ora.. perche’ mai uno stilista sano di mente dovrebbe creare una roba del genere? Chi le portera’ mai?

Il Virtual Shoes Museum (che vi consiglio vivamente di visitare) ha in mostra delle bellissime scarpe, di tutti i tipi e di tutte le fogge, ecco una piccola galleria:

Ma anche per le piu’ costose c’e’ una bella galleria.
Ci sono scarpe tempestate di diamanti, tomaie in oro o argento, cristalli Swarowsky e materiali pregiatissimi:


costo: 1’090’000 dollari – oro e diamanti


costo: 2’000’000 dollari – diamanti, oro bianco, tanzanite


costo: 2’000’000 dollari – diamanti, platino, diamante amaretto

Beh, belle sono belle, non c’e’ che dire.. forse le trovo in saldo? =)

Ma non potevo chiudere questa galleria senza un occhio alle mie scarpe preferite, giacche’ il catalogo di Bata e’ arrivato oggi:

full-stack graphic designer | social media manager | blogger, autrice e saggista | appassionata di Giappone, poker e pianoforte | mai senza occhiali da sole | attaccabrighe per natura