PacMan e la filosofia delle palline energetiche nel design

Pac-Man (conosciuto in Giappone con il nome di Puckman ( Puckman) è un videogioco ideato da Tohru Iwatani programmatore della Namco e pubblicato per la prima volta dalla Midway Games nel 1980 nel formato arcade da sala. Acquisì subito grande popolarità e negli anni successivi, sotto l’etichetta “Namco”, sono state via via pubblicate varie versioni per la quasi totalità delle console e dei computer, conservando fino a oggi la sua fama di classico dei videogiochi. Per molti anni, Pac-Man è stato la mascotte della Namco.

In Brasile, il gioco viene chiamato dai ragazzi Come-Come. Questo nome significa “mangia-mangia”. In Spagna, invece, il gioco viene chiamato Comecocos (Mangia fantasmi).

da it.wikipedia.org

Tutti noi abbiamo giocato almeno una volta a Pac-Man, ci siamo arrabbiati, abbiamo mangiato fragole e ciliegine, abbiamo goduto dei nostri record personali e abbiamo invidiato i record altrui. E’ un gioco entrato nella cultura popolare, uno di quelli che anche dopo un decennio ricordi volentieri.
Del gioco sono state realizzate innumerevoli versioni, ufficiali o meno, hack e contro hack e vesti grafiche totalmente diverse; parchi a tema, gadgets, memorabilia e incursioni in moltissime sitcom e cartoni animati fanno da corollario all’espansione e diffusione popolare di Pac-Man.

Che cosa c’e’ dietro al gioco?
C’e’ l’intuizione di un uomo, Tohru Iwatami, che noto’ quanto una pizza senza una fetta fosse accattivante. Dopo un anno di studi e progettazioni vide la luce il primo modello di Puckman; commercializzato con il nome che tutti conosciamo (evitando cosi’ fraintendimenti e sfotto’: Puckman – Fuckman) ha ottenuto successi stratosferici.
Il gioco in se’ e’ semplice: quattro fantasmini colorati si muovono all’interno di una griglia predefinita dando la caccia a questo cosetto giallo; il cosetto giallo ha la possibilita’ di contrattaccare mangiando delle palline energetiche (power-up) che rendono i fantasmini vulnerabili e mangiabili. I livelli sono tutti uguali, cambia solo il frutto associato al livello che Pac-Man ingurgitera’.

I livelli sono teoricamente infiniti, praticamente finiscono al 256 livello, grazie ad un bug che non ne permette il superamento.

A piu’ riprese il tema di Pac-Man e’ stato ripreso nel design, sempre insieme alle energetiche palline e ai fantasmini suoi compari (Blinky, Inky, Pinky e Clyde).

Remake Design, ditta francese specializzata nel design delle luci, ha creato un’installazione a parete di PacMan  per il salone Maison & Objet, alla fiera tenutasi nel Gennaio 2008 in Francia.

A Madrid hanno realizzato questa decorazione natalizia in occasione del Natale, in un parco divertimenti nel quartiere commerciale AZCA.
Peccato che le luci al neon nell’ultima immagine siano state messe all’asta su eBay diverso tempo fa, me le sarei portate via con gioia!

Nell’arredamento ci si puo’ davvero sbizzarrire, le sedie di Quayot sono un must per tutti gli amanti delle sedute comode e divertenti, magari vicino ad un tavolo adatto, disegnato da Errin per HomeTone; i cuscini sono un must, ovviamente!

Si puo’ optare anche per un arredamento molto piu’ intriso come gli sgabellini-fantasmini e la Pac-sedia.

Dimenticare la cucina?
Impossibile: ecco gli stampini di Design Shrine (qui anche la ricetta) per creare meravigliosi dolcetti e un guanto da forno (di Perpetual Kid) che evitera’ sgradite bruciature!
Se invece siete piu’ da barbecue.. Vauni Globe e’ la scelta migliore.. e guardate poi che dolcetti meravigliosi =)

E le caramelline?
Ne vogliamo parlare? Ma soprattutto, le vogliamo assaggiare?! (da FredFlare)

A me piacciono un sacco i peluches, a questi di Club Namco non saprei proprio resistere =)

E non parliamo dei piccoli gioielli e delle creazioni artigianali: Tiny Armour ha creato della bella bigiotteria, Geoff FortyTwo ha realizzato un costume da Pac-Man con tanto di progetto, Peter Gronquist ne ha fatto un lampadario, The Clay Collection ne ha fatto un paio di orecchini e Pixel Party un braccialetto. Altro braccialetto arriva da Par Amour Design, che farebbe copia con l’orologio utopico di WonTonSpringRoll e con gli orecchini di Putumayo Design.

Passiamo al mondo della moda, con Andrew Liszewski e la sua felpa con cappuccio, Giles Deacon ha proposto caschi di alta moda mentre MMach ha trasformato il suo casco da moto in un Pac-Casco; Split Reason vende magliette in stile, e su 80s Teens trovate una bellissima cintura. Completa l’abigliamento l’eleganza sopraffina delle scarpette a tema.


Bene, per un concerto (od una rapina) ci vuole il look adatto: passamontagna di Shadows in the Nyte, le bibite, la chitarra di Specimen e la sciarpina, in caso di fresco, di Urban Princess.
Oh, se suonano una bella canzone d’amore, ci vuole l’accendino – Zippo di BanPresto– per creare l’atmosfera.

Andiamo per i tatuaggi?
..non so voi, ma io ci penserei davvero cento volte prima di farmene uno simile =)

Ma non possiamo tralasciare tutti i gadgets creati per il gioco.. la PacMachine, in diverse versioni, la trovate da Bookstone, a dei prezzi non proprio economici. Ma si puo’ ripegare su Jakks Pac-Man Gold TV Game, in vendita da Amazon.

In chiusura, ecco la foto del ritrovamento del piu’ antico Pac-Man al mondo:

full-stack graphic designer | social media manager | community manager | blogger, autrice e saggista | appassionata di Giappone, poker e pianoforte | mai senza occhiali da sole | attaccabrighe per natura