Otaku Corner: Neon Genesis Evangelion – Lilith

Oramai lo sapete, per me NGE e’ quanto di piu’ stratosferico esista nel mondo degli anime, quindi non sara’ certo una sorpresa vedere di nuovo, su queste pagine, qualcosa che lo riguardi.

Avevo gia’ parlato di Adam, analizzandone il concept ed il design.. l’antitesi di Adam e’ Lilith (リリス), il secondo angelo. Il suo nome e’ stato preso in prestito dalla prima donna creata da Dio nella mitologia ebraica, donna che fu cacciata dal Giardino dell’Eden per essersi rifiutata di asservire Adam.
Lilith viene ritrovata in una caverna ovoidale naturale situata sotto il Giappone, il GeoFront (chiamato anche L’uovo di Lilith), sul quale gli umani costruiscono il quartier generale della NERV, lasciando intatto il loculo dell’angelo intatto, rinominandolo in Terminal Dogma, il livello piu’ inferiore del QG.
Il corpo di Lilith e’ gigantesco, bianco, ha una maschera apposta dalla Seele sulla sua faccia e resta immobile, crocifissa e trafitta dalla Lancia di Longinus; dalle ferite sul suo ventre sgorga continuamente il liquido LCL che, in grande quantita’, riesce a fornire il supporto necessario per le entry plugs.

Inizialmente la figura di Lilith non e’ chiarissima, si presume che sia stata creata da Adam stesso ma fu Kaworu Nagisa ad identificarla correttamente come Lilith, la madre dei Lilim. Di fatto, nel First Impact, Lilith usurpo’ ad Adam il ruolo di progenitore della nuova specie, lasciando nascere gli esseri umani al posto degli Angeli. La vita sviluppatasi sulla Terra e’ da attribuirsi a Lilith – nell’universo alternativo la forma di vita predominante sulla Terra sarebbe stata quella degli Angeli, con gli umani destinati a non vedere mai la vita; la sostanziale differenza tra Angeli e Umani risiede nella capacita’ di questi ultimi di possedere “Il Frutto della Saggezza” (Fruit of Wisdom), la fonte di tutta la scienza e la tecnologia umana.

Yui Ikari, moglie del comandante Gendo Ikari, perse la vita nell’esperimento di attivazione dell’Unita’ 01 e dal suo DNA venne clonata la prima Rei Ayanami. La stessa Ayanami porta dentro di se’ l’anima di Lilith e l’Unita’ 01, come svelato nelle scene cancellate dell’episodio 23 della serie televisiva, indica chiaramente la sua derivazione artificiale proprio da Lilith.

Nel film The End of Evangelion, dopo che Gendo Ikari manifesta palesemente la sua intenzione di fondersi con Rei e Adam (ridotto ad embrione ed impiantato nel palmo della sua mano), e’ proprio Rei Ayanami a rigettare questa fusione, prediligendo la salvezza di Shinji piuttosto che quella dell’intera umanita’. Rei assorbe Adam e si fonde con Lilith che assume le sembianze di una Rei gigantesca, ialla quale spuntano le ali e capace di generate un AT-Field talmente potente da annullare la forma fisica di tutti gli esseri viventi, riportandoli al brodo primordiale della vita.

Questa figura composta da Rei, Adam e Lilith, muore quando Shinji Ikari, dopo una lunga e dolorosa decisione, rifiuta il progetto di instrumentalizzazione dell’uomo tanto agognato dal padre Gendo.

Lilith, madre dei Lililm

Progenitrice della specie umana e’ naturale che la sua forma riassuma le caratteristiche di base degli umani: arti superiori ed inferiori dotati di dita, una testa con due occhi, apparato respiratorio e facolta’ di deambulazione su due gambe. Il colore scelto per la sua rappresentazione e’ il bianco, simbolo di purezza e di annullamento.

In Rebuild of Evangelion la sua immagine viene svecchiata presentando una forma molto piu’ in linea coi tempi, le sue dimensioni sono sempre gigantesche ma il suo corpo e’ molto piu’ simile a quello di una donna, con le curve ben proporzionate.

Emblematica, in questo senso, e’ la scena dell’incontro tra Tabris e Lilith nella vecchia sequenza e nella nuova:

A parte la differenza dei tratti, il modo in cui si pone Tabris nei confronti di Lilith e’ quello di un suo pari, fatta eccezione per le dimensioni.

Anche per Lilith il tratto e’ semplice, la fattura dei dettagli si concentra sulla maschera e sulle cicatrici. Al di la’ di ogni significato ricoperto dalla maschera, il viso di Lilith non e’ mai svelato, forse per non darle quell’aspetto troppo umano che l’avrebbe caratterizzata da subito come progenitrice degli umani.

Le sembianze degli EVA sono abbastanza simili, ma l’Unita’ 01, che discenda da Lilith, ha la proprieta’ di rigenerarsi in tempi brevissimi anche senza l’ausilio della dottoressa Akagi. Non ci sono somiglianze di sorta esternamente, ma e’ chiaro che quell’unita’ ha qualcosa in piu’ rispetto alle altre; l’anima di Yui Ikari, madre di Shinji, e’ conservata all’interno di un involucro fatto con un DNA straordinario, che possiede la volonta’ di far prosperare e progredire la razza umana. Ecco perche’ questa combinazione risulta cosi’ potente da indurre Shinji a ragionare su cosa vuol dire essere singole entita’.

Di piu’

  • i bento di Lilith, e piu’ in generale di NGE, sono quelli che vanno per la maggiore nelle fiere campionarie, soprattutto in occasione dei lanci dei film e degli eventi a tema.
  • Se proprio non potete fare a meno di avere Lilith anche a tavola, ecco per voi un piatto veramente unico, in plastica durevole, per ogni buongustaio, con lance di Longino trasformate in coltello e forchetta:

full-stack graphic designer | social media manager | community manager | blogger, autrice e saggista | appassionata di Giappone, poker e pianoforte | mai senza occhiali da sole | attaccabrighe per natura